1. Da quanto tempo eri sovrappeso prima di iniziare la dieta?Da circa 7 anni.
  2. Sulla tua decisione di dimagrire hanno inciso di più motivi puramente estetici, preoccupazione per la salute, oppure la perdita di fiducia in te stessa?Ho deciso di dimagrire soprattutto perché cominciavo ad essere preoccupata per la mia salute, in quanto avevo problemi intestinali ed avevo sentito spesso di persone che risultavano affette da cancro al colon: cominciavo ad essere ossessionata dall’idea di ammalarmi seriamente anch’io.Inoltre non sopportavo più l’idea di non riuscire ad impormi un corretto comportamento alimentare, visto che in altri campi la forza di volontà non mi era mai mancata. Avevo bisogno di dimostrare a me stessa di essere in grado di vincere la dipendenza dal cibo.
  3. Avevi già provato altri metodi di dimagrimento?Avevo già provato a frequentare, per tre anni, un centro di una nota catena italiana per il dimagrimento, spendendo, tra l’altro, un’ingente somma di denaro, senza però ottenere alcun risultato: la dieta era inefficace ed, anzi, tendeva a provocare un aumento della cellulite, per cui mi venivano proposti trattamenti specifici, da pagare naturalmente in aggiunta alle cifre, del tutto spropositate, già versate per i normali trattamenti. Come se non bastasse, la sede era posta in una struttura del tutto inadeguata. Un vero incubo! Naturalmente, però, essendo impossibile pagare se non con un finanziamento,nessuno è mai riuscito a recedere o a farsi rimborsare, per cui ho cercato fino alla fine di fruire delle sedute obbligatoriamente pagate, anche se i risultati erano inesistenti.
  4. Come hai conosciuto DietaClub e cosa ti ha spinto ad abbonarti?Navigando in Internet ho conosciuto per caso DietaClub, mi è sembrata subito più seria e convincente di altre proposte on line per il dimagrimento .Tra l’altro mi ha convinta la trasparenza nel rendere noti i prezzi.
  5. E’ stato difficile seguire il programma?Non è stato difficile seguire il programma, perché il diario interattivo e le informazioni sulla composizione dei vari alimenti mi ha aiutata fin dall’inizio a capire come impostare la dieta e soprattutto a correggere gli errori che avevo commesso in precedenza. L’idea del diario interattivo è davvero grandiosa, perché solo compilandolo ci si rende conto realmente del proprio comportamento alimentare e non si possono più inventare scuse sul mancato dimagrimento, imputandolo all’età avanzata, al metabolismo che non funziona o ad altro.
  6. Hai dovuto fare grosse rinunce?Ho dovuto rinunciare alle tavolette di cioccolato ed ai sacchetti di patatine che ogni sera mangiavo davanti al computer: credevo che solo gustando i miei cibi preferiti mi sarebbero venute delle belle idee per il lavoro.
  7. Hai trovato supporto negli esperti di DietaClub?In verità non mi sono mai rivolta agli esperti, perché ho pensato di dover trovare in me la forza di andare avanti e le motivazioni. Comunque era rassicurante sapere che avrei in ogni momento potuto richiedere il loro aiuto. Era come sapere di avere un’ancora di salvataggio in caso di bisogno. In ogni caso sapevo che la dieta settimanale ed i programma di attività fisica erano predisposti da esperti e questo era già una garanzia; inoltre ho sempre letto con attenzione tutti gli articoli sull’alimentazione.
  8. Quale è la lezione più importante che hai imparato in DietaClub?Penso che sia stato fondamentale aver capito che non si dimagrisce per “magia”, con prodotti “magici”, come la pubblicità vorrebbe farci credere. Bisogna invece decidere razionalmente cosa mangiare, così come si prendono le altre decisioni della nostra vita, soppesando e valutando il giusto rapporto tra fabbisogno e calorie che si bruciano con l’attività fisica. Negli ultimi anni avevo provato un’infinità di prodotti dimagranti senza risultati, mentre il segreto è nel calcolare cosa si introduce nel proprio corpo. In poche parole bisogna trattare il proprio corpo come un tempio e non come un immondezzaio. Grazie a DietaClub io ho detto basta al “junky food”.
  9. Ti sentiresti di consigliare DietaClub ad un amica\o con problemi di peso?Ho già consigliato DietaClub a parecchie mie amiche ed anche a colleghe.
  10. Se sì, perché?Consiglio DietaClub perché mi sembra il sistema di educazione alimentare più intelligente, pratico ed utile tra quelli finora sperimentati e vorrei averlo inventato io o comunque farne parte.
  11. Cosa cambieresti in DietaClub per migliorare il servizio?Non farei cambiamenti. Cercherei solamente di lavorare costantemente sul sito per ottimizzarne al meglio il funzionamento.
  12. Quale è la differenza principale tra il metodo DietaClub e altre diete che potresti trovare su internet?La differenza fondamentale è che DietaClub non suggerisce l’acquisto di integratori alimentari o altri prodotti dimagranti, ma punta sulla conoscenza e sulla modifica delle abitudini alimentari e questo è il miglior servizio che si possa fornire alla gente. Potremmo dire che l’intento di DietaClub è soprattutto “pedagogico”, perché svolge, tutto sommato, un lavoro di educazione alimentare.